ENIT

Rubrica del Direttore: incontro esoterico al chiaro di luna

Rubrica del Direttore del parco: incontro esoterico al chiaro di luna

Quando nel 1985 io e Fabio Calvi abbiamo sostenuto la nostra tesi di laurea sul tema “Il restauro del parco Durazzo Pallavicini di Pegli” stavamo concludendo un primo step di studi durato circa due anni. Durante questo periodo di lavori ci eravamo accorti che il parco è sostenuto da un percorso principale a carattere narrativo sul quale abbiamo ‘montato’ uno schema teatrale che è possibile desumere da analisi molto articolate ma che non era mai stato compreso da nessuno. Per due studenti è difficile portare in tesi una scoperta perché, di solito, le scoperte fanno supporre invenzioni o ’deliri’ che il mondo accademico, perlomeno a quei tempi, accoglieva mal volentieri. Ma la nostra tesi fu convincente  e subito si pubblicarono i primi risultati.

Scoperto che Pallavicini e Canzio avevano nascosto nel parco un pensiero particolare il nostro interesse aumentò; iniziarono gli studi sul mondo dell’alchimia e dell’esoterismo, della massoneria e del marinismo fino a giungere alle conclusioni poi pubblicate nel testo monografico ‘Villa Pallavicini a Pegli, l’opera romantica di Michele Canzio’.

Ciò nonostante il mio viaggio in questo mondo è continuato sia attraverso studi che grazie alla redazione dei vari progetti di restauro, momento questo di necessario approfondimento culturale, di ulteriore contatto fisico con il giardino e di potenziata confidenza con il luogo e la sua aura progenitrice. Oggi sto raccogliendo tutti questi dati e le tante osservazioni e congetture in un nuovo libro espressamente dedicato al ‘parco nascosto’.

Ma nel frattempo ho avuto piacere di parlare di tutte queste idee e letture al pubblico, durante particolari incontri avvenuti sia durante il periodo in cui il parco era diventato un enorme cantiere di restauro che dopo la sua riapertura al pubblico.

Oggi ho il piacere di comunicare a tutti gli amici del parco Pallavicini, ed in special modo a coloro che hanno già visitato il giardino con me, che il 22 aprile prossimo, tra la sera e la notte, realizzerò un ‘Incontro esoterico al chiaro di luna’ che non sarà una visita ma bensì un momento di approfondimento e di raccoglimento per ognuno di noi, una occasione per consentire al parco di esprimere al meglio il suo potenziale di meraviglioso ingranaggio spirituale.

Complice il buio, le luci approntate per farci vedere ciò che si deve vedere, l’aria di primavera e, sperando nel buon tempo, una falce di luna, sarà una sorta di ‘ascesa al monte sacro’ che ognuno potrà vivere in maniera unica e personale.

Ho piacere di far sapere che la cifra relativa all’adesione andrà, come sempre, completamente devoluta all’acquisto di piante e materiali per la coltivazione e che il gruppo potrà contare al massimo 35 persone.

Silvana Ghigino

Per info e prenotazioni: info@villadurazzopallavicini.it

ENIT